Antipasti e finger food

Sformatini di fontina su salsa rossa e carciofi croccanti

Ricetta sformatini di fontina salsa rossa Cesanese Del Piglio e Carciofi Romanescchi

Gli Sformatini di fontina su salsa rossa e carciofi croccanti è una ricetta raffinata che vuole coniugare le eccellenze di due regioni italiane come la Valle d’Aosta e il Lazio.

La Valle d’Aosta offre un tesoro che nasce in mezzo agli alpeggi di alta quota, tra fiori alpini, aria pulita e acque cristalline: la Fontina.

La Fontina è un formaggio Dop (Denominazione di origine protetta) eccezionale, dal sapore delicato e allo stesso tempo intenso, gustosa con la sua pasta morbida e burrosa di colore giallo paglierino e l’inconfondibile effige sulla crosta del maestoso Cervino.

Per questa ricetta ho utilizzato due ingredienti tipici del Lazio, la mia regione: il vino Cesanese del Piglio e i Carciofi Romaneschi.

Il Cesanese del Piglio, usato per la salsa, è il vino rosso di punta della Regione Lazio, tipico delle zone in provincia di Frosinone, è l’unico che ha ottenuto il riconoscimento della Docg (Denominazione di Origine Controllata e Garantita).

Il Cesanese del Piglio Docg ha un bouquet con note floreali e aromi di piccoli frutti di bosco e al palato ha una buona struttura, con aromi profondi, intensi; il suo colore rubino con riflessi violacei ha reso la salsa di un bel rosso intenso, una presentazione cromatica molto elegante e piacevole agli occhi.

Per smorzare l’amarognolo di questo vino, che alla lunga poteva stancare, ho aggiunto anche un cucchiaino di buon miele di acacia.

Per offrire un tocco di croccantezza al piatto e rendere la masticazione interessante ho utilizzato un altro ingrediente tipico della mia zona, ossia il Carciofo Romanesco, detto anche “mammola” o “ciamarolo”,  un prodotto IPG (indicazione geografica protetta) e vanto dell’ortofrutta laziale. La sua zona caratteristica di coltivazione è il litorale laziale in particolare Ladispoli e Cerveteri, a circa 40 km da Roma.

 

Sformatini di fontina su salsa rossa e carciofi croccanti

Ingredienti per 4 sformatini:

200 grammi di Fontina

3 uova fresche intere

30 ml di latte intero

Olio extra vergine di oliva

1 cucchiaio farina 00

150 ml di vino Cesanese del Piglio

15 grammi di burro

1 cucchiaino di miele di acacia

2 teste di carciofi romaneschi

Sale

Olio di semi di arachidi

1) preriscaldare il forno a 160 gradi e ungete con un po’ di olio di oliva 4 stampi per sformatini. In un pentolino antiaderente a fuoco basso mescolate velocemente le uova, la fontina tagliata a piccoli tocchi, il latte intero, fino a che otterrete un composto omogeneo. Riempite gli stampi con il composto e metteteli in una teglia che riempirete con dell’acqua (il livello dell’acqua non dovrà superare la metà dell’altezza degli stampi). Mettete la teglia in forno per la cottura a bagnomaria per 30 minuti;

2) preparate un roux per la salsa rossa facendo sciogliere a fuoco lentissimo il burro in un pentolino antiaderente. Togliete dal fuoco il pentolino e aggiungete la farina setacciata amalgamandola al burro fuso con un cucchiaio di legno o una frusta. Rimettete sul fuoco basso e fate cuocere qualche istante, il tempo necessario a togliere il sapore di farina, aggiungete un pizzico di sale,  il vino e il cucchiaino di miele. Con una frusta continuate a mescolare fino a che la salsa non sarà addensata e togliete dal fuoco;

3) pulite i carciofi (per la pulizia dei carciofi cliccate qui),  tagliate le teste a metà, quindi a fettine sottili. Friggeteli in abbondante olio di semi caldissimo fino a quando risulteranno belli dorati. Mettete le fettine di carciofo fritte sopra la carta assorbente per togliere l’eccesso di olio e salate;

4) componete il piatto con il fondo di salsa rossa sulla quale adagerete lo sformatino (per toglierlo più facilmente dallo stampo, passate un coltello a lama liscia lungo i bordi) e posizionate in cima le fettine di carciofo croccanti.

Servite gli Sformatini di fontina su salsa rossa e carciofi croccanti e buon appetito!

 

Con questa ricetta partecipo al Contest Concorso Fontina Valle d’Aosta

del Blog Un Architetto in Cucina in collaborazione con

l’Assessorato all’Agricoltura e Risorse Naturali della Valle d’Aosta”